MARY CINQUE

Mary Cinque è nata in Italia e ha frequentato corsi di pittura e decorazione in un primo tempo all’Accademia di Belle Arti di Napoli e successivamente a Milano. Nel 2006, un soggiorno di tre mesi come au pair traPhiladelphia e New York (e una parentesi come assistente artistica di Jennifer Blazina, Professoressa alla Drexel University di Philadelphia) influenza fortemente il suo lavoro, come tutti i viaggi, lunghi o brevi, che costantemente intraprende. Nel 2010 ha partecipato al “Capturing the elusive here”, un workshop condotto dall’artista ispano-americano Isidro Blasco all’AreaOdeon di Monza. Nello stesso anno entra a far parte dell’esposizione di gruppo Eruption alla galleria White Box di New York.

Ha esposto i suoi lavori alla 54ª edizione della Biennale di Venezia (Esposizione internazionale d’arte). Nel 2012, la Professoressa Ada Patrizia Fiorillo la segnala per il Premio internazionale Bice Bugatti – Giovanni Segantini. Nel 2012 è una delle finaliste del Premio Marina di Ravenna e nel 2014 del concorso Centro-Periferia istituito da Federculture.

Il suo lavoro “Salon d’automne” è esposto al Museo di arte ambientale di Giffoni Sei Casali (Salerno). Nel 2014 ha collaborato con il collettivo olandese Company New Heroes, al progetto europeo di innovazione urbana Seismic ed è stata selezionata per l’European Youth Exchange Babel a Turku (Finlandia). 

Nel 2015 la sua esposizione personale “Un’idéè de Paris” (curata da Chiara Reale e Lara Carbonara) è stata ospite all’Istituto francese di Napoli. 

Nel 2016 ha partecipato alla SetUP Art Fair con la galleria Casa Turese; nello stesso anno ha presentato la sua esposizione personale “L’illusione di Dedalo“, curata da Massimo Bignardi, al Centro Luigi Di Sarro di Roma e all’Istituto culturale italiano di Colonia, Germania.

Il suo lavoro “Puntini (Lanificio)” illustra il poema “Condominio Napoli” di Benigni, nella rivista di poesia Levania #4, e il suo lavoro 015titled#09 è entrato a far parte della Collezione d’arte Imago Mundi di Luciano Benetton, curata da Chiara Pirozzi. Nel 2017 è stata invitata al primo Catalyst Art Retreat a Casa Berti, Lucca (IT). 

È tra i 100 artisti selezionati per la prima Saatchi Other Art Fair di Los Angeles. 

Attualmente vive e lavora a Londra.